Il Veneto allagato chiede liquidita’

Dopo essere stati ingiustamente ignorati dai media e dai politici, i Veneti incazzati aspettano gli aiuti e i contributi che sono stati promessi da Bossi e Berlusconi.

Se I soldi non arrivano in Veneto, e le aziende venete non ce la fanno a riaprire e se si arrendono alla disgrazia, cesseranno i versamenti dei contributi e delle tasse… una bella botta per le entrate dello stato…

Se poi anche gli imprenditori, gli impiegati, gli operai e gli immigrati, i commercianti e i semplici cittadini alluvionati si rifiuteranno in massa di pagare le tasse a Roma, …. un’altra bella botta per le casse dello stato.

Per cui, i soldi arriveranno in Veneto, certo molto meno delle necessita’, ma questo dirottamento di risorse insufficienti causera’ si’ un effetto sedativo sui potenziali insurrezionisti leghisti  ma,  dato che la coperta e’ corta, scatenera’ altre proteste e frustrazioni per altri destinatari di fondi pubblici promessi, e non risolvera’ i problemi del nordest alluvionato che, passato l’effetto placebo dei 300 milioni, andra’ comunque in astinenza di liquidita’ e, secco come un pagliaio, rischiera’ di prendere fuoco.

Nel frattempo, tra rifiuti ed immigrati, le rivolte popolari accendono falo’ e attizzano la resistenza nonviolenta e il confronto con le assenze delle istituzioni, presenti solo in tenuta antisommossa.

Sembra proprio che non ci sia rimedio al presente incasinamento della repubblica, tra tagli di fondi che non entrano,  poltrone che vacillano e proteste ormai diffuse….

E allora? Che fare? Da semplice cittadino (non sono ministro, parlamentare, governatore o presidente) mi domando…. Devo aspettare? Cercare di capire? Sperare? Cosa? Non sono partigiano di nessuno degli oligarchi che hanno messo il loro nome al posto di quello del  partito, e neppure sono tifoso di qualcuno degli emergenti. Sono piuttosto per il partito del ‘non-voto’… non voto infatti dal ’91. Non sono qualunquista, ma sono un dissidente, un libero pensatore che ha nel cuore il benessere di tutti e non si riconosce in nessuno dei contendenti.

Io seguo la politica dal 1973…  ed ho anche partecipato, quando ero giovane ed idealista, con entusiasmo e ottimismo, ma quando ho capito le regole del gioco, ho lasciato la poltrona e il tavolo e son tornato a mettere le mani nella terra e a coltivare i semi di un sistema giusto.

Beh… cosa fare in questa situazione? Innanzitutto non incazzarsi… c’e gia’tanta incazzatura in giro  che minaccia di diventare un’ energia molto distruttiva e  io non voglio unire la mia negativita’ a quella dei tanti che non riescono a dominarla. La rabbia non serve a nulla…  si e’ vero, se urli, ti fa star meglio, ma la rabbia espressa fisicamente, e’ controproducente. La violenza chiama violenza e, in ogni guerra o guerriglia,  nessuno esce vincitore, ma tutti perdono qualcosa.

Allora? Pazienza… ci vuole pazienza, pazienza  e consapevolezza che il presente e’ gia’ passato e il futuro e’ aperto, …  allora l’energia dell’incazzatura si trasforma nel coraggio dell’azione giusta, dettata dalla coscienza e non dalla rabbia e dalla frustrazione.

Quando un sistema ha finito il suo ciclo e se ne apre un altro, importante e’ contribuire costruttivamente, creativamente… mentre il vecchio sta morendo, il nuovo ha bisogno di gente nuova con idee nuove.

Annunci

Informazioni su riccardo gramegna

Euro-coordinatore per l'Europa della Gandhi In Action International(Global network of nonviolent activists) dal 1986, giornalista e opinionista nonviolento ha collaborato con tv locali e attualmente svolge l'attivita' di 'nonviolent life coach' , consulente personale di persone in fase di transizione verso uno stile di vita nonviolento in Europa, USA, India e Russia. Euro-cordinator of Gandhi In Action International network and NVLC(nonviolent life coach) since 1986, with his program "metamorphosis" helps people in Europe, USA and Russia, to cope with the change in consciousness and values that is happening all over the world, towards nonviolence, simple living and green culture.
Questa voce è stata pubblicata in attualita', federalismo, nonviolenza e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...