ILLUSI e DELUSI

Giochiamo un euro nella speranza di beccare il 6 o il 5 al superenalotto, e la speranza di diventare milionari in un momento, se baciati dalla dea fortuna, viene alimentata da rai e mediaset  con i loro spot nei telegiornali e i programmi di giochi che dispensano premi di  centinaia di migliaia di euro in un’ora di fortuna tra pacchi e indovinelli.

Non so che dire, ma se ci penso, provo pena. Non in senso spregiativo, per carita’, ma per realismo.

Un popolo che sembra arreso allo sfacelo e individualmente si aggrappa alla speranza che la fortuna lo prescelga e lo elegga tra i suoi favoriti, suscita pena. O piu’ che pena, e’ simpatia cio’ che sento… e anche un po’ di rabbia… non mia, ma sento la rabbia di tutti quelli che, delusi, buttano le loro speranze nel cestino… i numeri non sono usciti, le partite non sono andate come previsto, la rai non ha chiamato, il casting non mi ha preso, … sono tanti, troppi, quelli che fanno la fila al tabaccaio o negli studi degli  Xfactor della loro fantasia e accumulano le loro delusioni.

Poi il tg ci dice che un manager di una banca o di una multinazionale se ne va con 40 milioni di liquidazione, che uno che gioca… gioca al pallone, guadagna 2 milioni di euro al mese, una conduttrice come la …. come si chiama…. Quelli che il calcio… l’isola dei famosi… la Ventura… quanto prende a puntata per contratto?

E poi i politici… aiaiaiaiaiiii, stipendi, privilegi, mazzette e appartamenti, appalti e complotti, scandali e cosi’ via. Ma ci rendiamo conto dell’effetto che queste cose hanno nella mente della gente comune? Quelli che aspettano non i risultati delle partite, ma aspettano a pagare le bollette perche’ non hanno i soldi e hanno l’ansia per il taglio della fornitura?

l'immagine e' 'simbolica' ed e' ovvio che non e' un invito a farlo veramente (senza guardare se sotto passa qualcuno)

Ma quanto ci vuole ancora per una rivoluzione? Io sono un non-violento, nel senso che vorrei che l’incazzatura popolare non si sfogasse negli stadi o nelle piazze, ma nella gandhiana disobbedienza…. Smettiamo di scommettere, spegnamo la televisione, non andiamo piu’ a votare, togliamo i soldi dalle banche  e investiamo gli euro delle tasse nella sopravvivenza e nella nostra comunita’. Cadranno i governi, gli ascolti, le borse,  i montepremi  e che vadano tutti i fortunati, i privilegiati, i potenti ed i ‘famosi’… vadano tutti affanbicchiere!

La vita e’ nostra, quella reale, quella quotidiana, quella delle nostre famiglie…  smettiamo di inseguire la fortuna, le illusioni della televisione e riprendiamoci il potere di goderla, la vita, invece di sentirci delle merde nella merda con l’unica speranza di avere culo.

Annunci

Informazioni su riccardo gramegna

Euro-coordinatore per l'Europa della Gandhi In Action International(Global network of nonviolent activists) dal 1986, giornalista e opinionista nonviolento ha collaborato con tv locali e attualmente svolge l'attivita' di 'nonviolent life coach' , consulente personale di persone in fase di transizione verso uno stile di vita nonviolento in Europa, USA, India e Russia. Euro-cordinator of Gandhi In Action International network and NVLC(nonviolent life coach) since 1986, with his program "metamorphosis" helps people in Europe, USA and Russia, to cope with the change in consciousness and values that is happening all over the world, towards nonviolence, simple living and green culture.
Questa voce è stata pubblicata in attualita' e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a ILLUSI e DELUSI

  1. riccardo gramegna ha detto:

    Il matrimonio e’ la tomba dell’amore
    Se “a casa di Paola” (il programma di Paola Perego su RAI1, al pomeriggio) si parla di matrimonio come la tomba dell’amore e si resta in superfice, dicendo che per ‘amore’ si intendono le nozze, Mi domando, insieme ad almeno un milione di italiani,….e’ l’amore che muore? E il matrimonio la sua tomba nella quale imputridisce?
    Se per amore si intendono le ‘nozze’, e’ chiaro che si allude alla sua fine con la separazione ed il divorzio, ma e’ anche vero che se le nozze sono vive finche’ morte non separi i coniugi, la morte di uno dei due diventa ovviamente la fine dell’amore, inteso come nozze.
    Se invece si intende l’amore come infatuazione, come passione, e’ ovvio che la frase rappresenta la fine di quell’amore acerbo e superficiale e la costruzione di un amore solido e maturo, basato sul rispetto e la complementarieta’, sulla fiducia e la cooperazione nel turare su famiglia.
    Gia’ la situazione economica generale scoraggia la formazione di nuove famiglie e quindi la nascita di bambini, ma se anche il servizio pubblico presenta il matrimonio come la tomba dell’amore, scoraggiando gli innamorati ad unirsi in matrimonio, cosa c’e’ dietro? qual’e’ la strategia di fondo…?
    Forse i cervelli al servizio del potere ci stanno pilotando verso una societa’ di single? Perche’ il single consuma di piu’ e piu’ liberamente, mentre gli sposati si frenano a vicenda e tendono ad essere consumatori consapevoli e risparmiosi? E’ per questo che gossip e tabloid che parlano dei vip sottilmente promuovono la singlitudine, la precarieta’ e le infedelta’ dei rapporti?
    E’ proprio messo cosi’ male il sistema basato sul consumismo che ha bisogno di creare incentivi a spendere da single con la rottamazione dei matrimoni?
    E’ vero che il fisco ha meno entrate se tutti consumano di meno, e sa lo stato che se gli mancano le entrate deve tagliare le sue spese, ridimensionare i progetti e i servizi e confrontarsi con lo scontento popolare per promesse disilluse, la caduta del consenso e la perdita dello scranno del potere, ma una societa’ di single che hanno seppellito l’amore non ha molto futuro… anche perche’ di soldi ce ne sono meno, e in verita’ la gente consuma meno perche’ ha meno euro da spendere e vede nero nel futuro.
    Invece di dar per morto l’amore, forse sarebbe meglio dichiarare il fallimento del sistema, per debiti, insolvenze e incapacita’ degli amministratori e dei politici, rei provati di falso ideologico. Hanno creduto all’idea che il modello occidentale dell’economia, basata sulle idee di due balordi.., Adam Smith e John Meynard Keynes fosse quello buono e giusto, mentre invece era una idea balzana che non ha prodotto salute, serenita’ e liberta’, ma sofferenze ed ingiustizie.
    Quando si capisce di aver preso un’abbaglio e di aver sbagliato strada, si deve avere l’umilta’ di ammetterlo e portare i libri in tribunale. Anche i comunisti dell’est hanno dovuto arrendersi al fallimento del loro esperimento ed oggi, nel mondo, il comunismo e’ dato per estinto.
    La fine del capitalismo, consumismo, liberismo, del pensiero keynesiano, e’ un trauma inevitabile e tutti i tentativi di rallentare il processo di degrado sono solo palliativi sintomatici, stimolanti la ripresa che si sa essere soltanto un’illusione.
    Il sistema posa le sue vecchie fondamenta su terreni diventati virtuali sabbie mobili e non puo’ reggere piu’ di tanto.
    Era un’idea perversa, quella dei due economisti anglosassoni, perche si basava su una debolezza umana, l’avidita’, che era, secondo Adam Smith, l’energia che avrebbe eternamente fatto girare il motore dell’economia mondiale. L’avidita’ del profitto dei produttori e l’avida stupidita’ della gente che avrebbe comprato i loro prodotti. Lo stato, burocrazia, politici e collegati avrebbero prosperato e governato con le politiche fiscali ideate da John Meynard Keynes, il sistema delle banche, la competizione come stimolante. Gioco fatto, tutti contenti, girano i soldi e c’e’ lavoro per tutti. Una visione positiva del futuro… Per questo ci hanno creduto in tanti.
    Adam Smith e John M.Keynes…Il sistema economico dell’occidente si fonda sulle semplici idee di questi economisti del diciottesimo secolo, che vivevano in un altro mondo, un mondo vecchio che non c’e’ piu’. Non avevano coscienza dell’ambiente, non riuscivano ad immaginare le conseguenze negative che lo sviluppo che avevano pensato avrebbe creato, per l’uomo e per il pianeta, con l’andar del tempo. Per loro l’India era lontana, solo una colonia dell’impero che aveva materie prime, come il cotone, da sfruttare e far partire cosi’ la rivoluzione industriale… avevano dei sogni di crescita, di sviluppo, di potere.
    Non li voglio criticare e tanto meno giudicare… erano uomini, probabilmente avidi e poco lungimiranti, e non voglio neppure condannare quelli che hanno dato credito alle loro tesi e hanno assunto, in buona fede, la responsabilita’ di disastri e sofferenze che hanno determinato. Sia loro perdonato, ma confessino… abbiamo sbagliato e si arrendano all’evidenza… e’ finita l’illusione.
    Sono certo che il risveglio sara’ un trauma superabile e ci sara’ un rinascimento di idee nuove, di solidarieta’, di una nuova civilta’.
    Quando ho studiato economia alla Bocconi, ho capito i principi fondamentali con i quali il sistema era congegnato, e ho deciso che non avrei mai collaborato con quell’illusione, quella non-verita’.
    Non e’ un sistema che puo’ essere adottato da tutta l’umanita’… il pianeta non lo regge e non reggono neppure le regole del gioco dettate nel passato… quando c’era poca consapevolezza e poca coscienza. L’umanita’ e’ andata avanti, le tecnologie hanno cambiato e accelerato il tempo, e si e’ espansa la coscienza… siamo nel ventunesimo secolo!
    E’ ora di cambiare e ben venga il cambiamento!
    La paura che non ci siano alternative e’ il freno che rallenta, ma sappia il lettore che io penso che alternative ce ne sono molte e, al momento giusto, emergeranno persone giuste, con idee giuste, che faciliteranno la conversione. E’ difficile prevedere come e quando il sistema occidentale giungera’ al suo collasso, anche se, come la fine del comunismo e’ associata al crollo del Berlin Wall, molti prevedono che la fine del capitalismo potrebbe avvenire con il crollo di Wall street (e chi e’ digiuno dell’inglese sappia che Wall vuol dire muro) e che la pace in medio-oriente vedra’ demolito il muro che racchiude Israele.
    Sara’ solo psicologico, il terremoto, ovunque le comunita’ si organizzeranno in solidarieta’ e cooperazione, come dopo un terremoto, di tali vaste proporzioni che nessuna comunita’ puo’ aspettarsi dei soccorsi dall’esterno. Valori vecchi non avranno piu’ valore e nuovi valori emergeranno, i primi saranno ultimi e gli ultimi saranno l’avanguardia, ma sara’ un grande cambiamento non-violento, alla fine positivo per la vita dell’umano sul pianeta e, piu’ che una catastrofe, sembrera’ una liberazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...